© Created by Elena Albarello per informazioni o comunicazioni contattare il

CHIESA DI SAN

PIETRO

notizie storiche

La chiesa di San Pietro, nel 1455 esiste

già come cappella,

come risulta dagli atti della visita pastorale del Cardinale Gabriele Sforza.   Viene definita chiesa nel 1566 da Padre Leonetto Clivone; è orientata in modo opposto rispetto all’attuale, è dotata di campanile con una sola campana. San Carlo Borromeo, durante una sua visita pastorale nel 1574, trovando la Chiesa in pessimo stato di abbandono, fonda la “Scuola dei Disciplini di San Pietro” dando loro l’incarico di tenerla in ordine; essi si occupano di lavori di riparazione e invertono l’orientamento costruendo anche un oratorio. La confraternita si scioglie nel 1788, quando l’imperatore austriaco Giuseppe II ha sopprime gli enti ecclesiastici per impossessarsi dei loro beni e confiscarne le terre. Durante la peste del 1630 la Chiesa di San Pietro diventa un Lazzaretto e i morti vengono seppelliti nelle adiacenze dell’Edificio Religioso già adibito a cimitero da San Carlo Borromeo nel 1570, insieme alle testimonianze del toponimo di Via Lazzaretto e le due Cappelle dedicate alla Madonna dell’Aiuto e San Rocco. Dopo la conquista del territorio da parte degli austriaci è d’obbligo seppellire i defunti fuori dall’abitato; viene acquistato il terreno in Via San Francesco per la costruzione di un cimitero e quindi chiudere quello vicino a San Pietro. Il sindaco però, appoggiato dalla popolazione, fa scavare all’interno della Chiesa di San Pietro una grande buca detta il “Foppone”, destinata alle nuove sepolture; fa togliere tutti i vetri dalle finestre per evitare esalazioni nocive. Il Parroco denuncia il fatto alle autorità perché la chiesa torni alla sua funzione originale e costruito il cimitero di Via San Francesco; la sua richiesta viene esaudita.
Il 15 maggio 1792 l’Arcivescovo di Milano Filippo Visconti, sempre in San Pietro, istituisce una nuova confraternita chiamata “Santissimo Sacramento”; i confratelli, ogni domenica mattina recitano le Lodi e il 29 Giugno, festa degli apostoli Pietro e Paolo, celebrano una Messa solenne; nella processione del Corpus Domini si mettono in prima fila portando il baldacchino che protegge la SS. Eucaristia portata dal Parroco. Nel 1812 vi è una grave epidemia di tifo petecchiale; non essendoci alcun ospedale nel territorio, il Prefetto ordina di allestire un Lazzaretto nell’Oratorio di San Pietro. I malati sono assistiti da persone già guarite dal contagio, di nuovo si scava una fossa profonda nella chiesa per seppellire i morti e quindi isolare l’epidemia; all’aperto si allestisce una lavanderia, lo stenditoio, un pozzo per attingere acqua e si ricostruisce un piccolo cimitero.
Home Informatore Celebrazioni Calendario Eventi Contatti Oratorio S. Luigi Suore Francescane Le nostre origini Chiesa S. Pietro Non Solo Ricamo
Parrocchia S. Anastasio
Con l’arrivo dell’autunno e le prime piogge l’epidemia diminuisce e l’ospedale provvisorio viene chiuso; dovrà essere riaperto nel 1814 per un’altra ondata di contagio meno forte della precedente ma più lunga; finalmente, nel 1818 l’epidemia scompare. Il Cardinale Ferrari, nel 1897, durante la sua Visita Pastorale, a proposito della chiesa di San Pietro, dà queste disposizioni al parroco Don Adriano Mazzucchelli: “Il Rev. Signor Parroco procuri di trovare modo presso il signor Sindaco, che la chiesa dei SS. Pietro e Paolo non venga adibita ad uso profano” Nel 1899 viene costruito l’asilo Porraneo vicino alla chiesa e arrivano le Suore di Don Bosco. Esse istituiscono un oratorio femminile. Negli anni seguenti si effettuano diversi restauri e riparazioni. Attualmente questa è una chiesa sconsacrata.
Chiesa S. Pietro
© Created by Elena Albarello per informazioni o comunicazioni contattare il

CHIESA DI SAN PIETRO

notizie storiche

La chiesa di San Pietro, nel 1455 esiste già

come cappella,

come risulta dagli atti della visita pastorale del Cardinale Gabriele Sforza.   Viene definita chiesa nel 1566 da Padre Leonetto Clivone; è orientata in modo opposto rispetto all’attuale, è dotata di campanile con una sola campana. San Carlo Borromeo, durante una sua visita pastorale nel 1574, trovando la Chiesa in pessimo stato di abbandono, fonda la “Scuola dei Disciplini di San Pietro” dando loro l’incarico di tenerla in ordine; essi si occupano di lavori di riparazione e invertono l’orientamento costruendo anche un oratorio. La confraternita si scioglie nel 1788, quando l’imperatore austriaco Giuseppe II ha sopprime gli enti ecclesiastici per impossessarsi dei loro beni e confiscarne le terre. Durante la peste del 1630 la Chiesa di San Pietro diventa un Lazzaretto e i morti vengono seppelliti nelle adiacenze dell’Edificio Religioso già adibito a cimitero da San Carlo Borromeo nel 1570, insieme alle testimonianze del toponimo di Via Lazzaretto e le due Cappelle dedicate alla Madonna dell’Aiuto e San Rocco. Dopo la conquista del territorio da parte degli austriaci è d’obbligo seppellire i defunti fuori dall’abitato; viene acquistato il terreno in Via San Francesco per la costruzione di un cimitero e quindi chiudere quello vicino a San Pietro. Il sindaco però, appoggiato dalla popolazione, fa scavare all’interno della Chiesa di San Pietro una grande buca detta il “Foppone”, destinata alle nuove sepolture; fa togliere tutti i vetri dalle finestre per evitare esalazioni nocive. Il Parroco denuncia il fatto alle autorità perché la chiesa torni alla sua funzione originale e costruito il cimitero di Via San Francesco; la sua richiesta viene esaudita.
Il 15 maggio 1792 l’Arcivescovo di Milano Filippo Visconti, sempre in San Pietro, istituisce una nuova confraternita chiamata “Santissimo Sacramento”; i confratelli, ogni domenica mattina recitano le Lodi e il 29 Giugno, festa degli apostoli Pietro e Paolo, celebrano una Messa solenne; nella processione del Corpus Domini si mettono in prima fila portando il baldacchino che protegge la SS. Eucaristia portata dal Parroco. Nel 1812 vi è una grave epidemia di tifo petecchiale; non essendoci alcun ospedale nel territorio, il Prefetto ordina di allestire un Lazzaretto nell’Oratorio di San Pietro. I malati sono assistiti da persone già guarite dal contagio, di nuovo si scava una fossa profonda nella chiesa per seppellire i morti e quindi isolare l’epidemia; all’aperto si allestisce una lavanderia, lo stenditoio, un pozzo per attingere acqua e si ricostruisce un piccolo cimitero.
Navigation Menu
Parrocchia S. Anastasio
Con l’arrivo dell’autunno e le prime piogge l’epidemia diminuisce e l’ospedale provvisorio viene chiuso; dovrà essere riaperto nel 1814 per un’altra ondata di contagio meno forte della precedente ma più lunga; finalmente, nel 1818 l’epidemia scompare. Il Cardinale Ferrari, nel 1897, durante la sua Visita Pastorale, a proposito della chiesa di San Pietro, dà queste disposizioni al parroco Don Adriano Mazzucchelli: “Il Rev. Signor Parroco procuri di trovare modo presso il signor Sindaco, che la chiesa dei SS. Pietro e Paolo non venga adibita ad uso profano” Nel 1899 viene costruito l’asilo Porraneo vicino alla chiesa e arrivano le Suore di Don Bosco. Esse istituiscono un oratorio femminile. Negli anni seguenti si effettuano diversi restauri e riparazioni. Attualmente questa è una chiesa sconsacrata.